G Skiff

AddThis Social Bookmark Button

s-gkiff

Anno: 2009

Progetto: Luca Caruso

Committente: UNIPA

 

Skiff progettato e costruito per rappresentare l'Università degli Studi di Palermo alle regate di Mille e una vela per l'Università.

 


Premi e risultati.

 

Il progetto dell'imbarcazione è stato sviluppato sia per l'autocostruzione che per la produzione in serie in materiale composito.

 

Scheda Tecnica

 

Carena | Il disegno della carena consente di avere una barca potente nelle andature portanti, rendendo la conduzione divertente, senza limitare le performance nelle andature di bolina. Le linee d'acqua sviluppate consentono all'equipaggio di gestire l'assetto migliorando le performance in base alle andature. L'ampio baglio massimo al galleggiamento consente di avere una barca che non propende alla scuffia, adattandosi anche ad equipaggi inesperti. Lo spigolo evolutivo consente di tagliare il flussi d'acqua che risalgono le murate della carena riducendo gli attriti.

Appendici | Lo Studio delle appendici di carena è avvenuto con l'ausilio di software dedicati. Sono state studiate sviluppate diverse coppie di appendici di carena, in base alle esigenze del cliente è possibile fornire appendici di carena da utilizzare per diversi range di vento. La dimostrazione della qualità delle appendici si è avuta in occasione delle regate di Mille e una Vela 2009, alle quali il G-Skiff "GIORGIA" ha partecipato con timone e lama di deriva di ridotte dimensioni rispetto al resto della flotta; tuttavia le appendici risultavano garantire un ottimo VMG di bolina e una eccellente manovrabilità dell'imbarcazione. Per poter ridurre le dimensioni del timone si è scelto di distanziarlo dallo specchio di poppa aumentando il braccio in fase di manovra.

Coperta | La coperta è stata progettata per aumentare al massimo la vivibilità dell'imbarcazione, non è planare come negli skiff standard, offre un accenno di pozzetto che tende a aumentare lo spazio utile per l'equipaggio durante il cambio di mure in virata. Negli skiff standard il passaggio di mure può essere difficoltoso per equipaggi inesperti o che hanno perso la forma atletica. A richiesta, è possibile chiudere lo scafo con la coperta semipiatta. L'attrezzatura di coperta riprende la filosofia di gran parte degli skiff esistenti, la velocità e la semplicità di manovra hanno la priorità su il numero delle regolazioni, il bompresso in composito o in alluminio è configurato per essere "comandato" dalla sola drizza Gennaker, per cui esce fuori al termine dell'issata del Gennaker e rientra in sede subito prima dell'ammainata. Il G-Skiff monta un fiocco autovirante che semplifica la vita del prodiere. La drizza gennaker è a circuito chiuso con il retriver per avere la massima velocità in ammainata. Tutte le manovre correnti sono rinviate alle terrazze con circuito unico, in maniera tale che l'equipaggio possa controllare e regolare l'imbarcazione anche quando si trova al trapezio.

 

Sito web classe: Mille e una vela per l'Università
Scheda barca: Sailingtheweb
Articolo unipa: Mille e una vela
Articolo unipa: studenti a gonfie vele
Articolo Lauria: Ottimi piazzamenti

 

Joomla SEO powered by JoomSEF